Crea sito

Nudista stagionale, naturista sempre

naturist5C’è tanto di scritto in giro sulle differenze tra nudisti e naturisti. Qui vogliamo mettere in evidenza qualche aspetto, per altre considerazioni e approfondimenti,  cercate in rete.

Centriamo l’attenzione sul nudista stagionale che ha per obiettivo incontri eccitanti per soddisfare le sue necessità sessuali. La storia è sempre quella, o la sua donna si sta cercando le scuse per non fare sesso n modo frequente, o è un single. Quindi il nostro nudista frequenta con la stagione calda gli ambienti marini dove liberarsi dai vestiti risulta semplice e così è più deciso nel suo obiettivo. Con la fine della bella stagione, però, si indirizza verso la normalità e rimette i panni del tessile. Magari ci proverà con la collega o la segretaria, ma questa è altra storia. Il nudista prescinde dal fatto del rispetto di madre natura, la nudità è il mezzo per tener riscaldato il suo motore.

Il naturista, per dirsi tale, deve avere un rapporto amichevole con la natura, e per la natura non intendo “madre natura” di un famoso talk show ovvero la bella stangona. Mettersi a nudo, quindi, significa mettersi al pari dei vegetali e degli animali, indifeso per un contatto mentale e fisico più profondo degli altri uomini al fine di proteggere la Terra con gli essere che la popolano. Quindi naturista fa rima con ambientalista, con animalista, con riduzionista, rispettoso di tutti gli essere vegetali e animali (comprese le mosche!), è consapevole che una luce accesa di notte è uno spreco, che buttare una lattina nella spiaggia è distruttivo per l’ambiente, che la pulizia delle spiagge con mezzi meccanici per togliere le alghe scombina l’ecosistema, che utilizzare il condizionatore fa riscaldare il pianeta, che mangiare la carne tutti i giorni fa incrementare il sacrificio di animali, che bere latte e mangiare latticini in eccesso comporta uno sfruttamento indecoroso per le mucche, che utilizzare abbondante bagnoschiuma è inquinante, che sprecare carta significa abbattere alberi, che mangiare Nutella significa la distruzione di palma, che utilizzare per puro passatempo smartphone significa bruciare petrolio ed inquinare, che il consumismo distrugge le risorse della Terra e sfrutta esseri umani, animali e vegetali, che i farmaci che spesso utilizziamo derivano da specie vegetali e animali in via di estinzione. Vi basta? Certamente l’elenco è solo di poche righe, ma vi assicuro è di molte migliaia di pagine. Ecco questo deve essere il vero naturista! Ma allora prendersi il sole d’estate senza costume non significa essere naturista? Credo con certezza che proprio non è essere naturista, semmai vuoi dare un input ai propri organi sessuali, costipati nelle mutande per il resto dell’anno, sarai semplicemente un nudista!

Oltre a capire e rispettare madre natura, c’è da rispettare e capire il resto degli ospiti, ovvero uomini e donne che con il loro trascorso, la lora anima, la loro storia, la loro genetica, la loro religione sembrano tanto diversi da noi e noi li contrastiamo (anche nei blog)  perchè vorremmo che fossino come noi, per dare una giustificazione a ciò che siamo noi. Siete contro il razzismo, ma disprezzate il vicino fastidioso, condannate il velo musulmano ma andate contro la nudità, vi piacciono gli incontri extraconiugali ma siete gelosi della vostra compagna. non fate sesso tutte le sere (le donne) e pretendete che il vostro uomo se ne stia buono buono.

La nudità può essere un mezzo per la soddisfazione personale o una filosofia per salvare il pianeta. Nel primo caso il nudo è un mezzo egoistico, nel secondo il nudo è un mezzo sociale di coesione.

 

You may also like...